Italiano 5

Italiano 5

Care amiche, in questa fine d’anno strana, irrequieta, sballottata tra speranze e incertezze, vi offro una poesia dolce e raffinata.

Giosué Carducci, premio Nobel di letteratura nel 1906, la compose il 26 marzo 1890, in un albergo vicino a La Spezia.

Ad Annie

Batto a la chiusa imposta con un ramicello di fiori
glauchi ed azzurri, come i tuoi occhi, o Annie.

Vedi : il sole co ‘l riso d’un tremulo raggio ha baciato
La nube, e ha detto – Nuvola bianca, t’apri, –

Senti : il vento de l’alpe con fresco susurro saluta
La vela, e dice -Candida vela, vai. –

Mira : l’augel discende da l’umido cielo su ‘l pesco
In fiore, e trilla – Vermiglia pianta, odora. –

Scende da’ miei pensieri l’eterna dea poesia
Su ‘l cuore, e grida – O vecchio cuore, batti. –

E docile il cuore ne’ tuoi grandi occhi di fata
S’affisa, e chiama – Dolce fanciulla, canta. –

Vocabolario

Imposta il battente della finestra
Glauchi color azzurro chiaro
Co ‘l riso con il riso, il sorriso
T’apri apriti, dissolviti
L’alpe la Spezia é ai piedi delle Alpi Apuane
Vermiglia color rosso intenso
Odora diffondi il tuo profumo
S’affisa guarda intensamante

Rita B

Print Friendly, PDF & Email

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

*

code